Nduduzo Makhathini-photo by Ezra Makgope,courtesy of Nduduzo Makhathini.jpg

NDUDUZO MAKHATHINI
&
LOGAN RICHARDSON

1200x680_logan_richardson2020-265-3.jpg

SABATO 16 LUGLIO - CANTINA ALBINEA-CANALI - ORE 21.30

Nduduzo Makhathini & Logan Richardson

Nduduzo Makhathini pianoforte

Logan Richardson sax alto

Nduduzo Makhathini è cresciuto in Sud Africa assorbendo da una parte la tradizione della musica tradizionale Zulu, dall’altra quella della musica jazz del proprio paese, in primis di Abdullah Ibrahim, Moses Molelekwa e del suo mentore Bheki Mseleku, colui che lo introdurrà al jazz statunitense.

I suoi riferimenti si individuano in McCoy Tyner, Andrew Hill, Randy Weston e Don Pullen, la sintesi dei quali lo porta a definire il proprio stile pianistico, apprezzato sia negli States, dove suona con Wynton Marsalis e Azner Lawrence, che in Inghilterra dove fonda con Shabaka Hutchins la band Ancestors. Dopo numerosi apprezzati album a suo nome approda alla Blue Note Record nel 2020 con l’acclamato Modes of Communication: Letters from the Underworlds.

Logan Richardson nasce in Kansas, ma è a New York che si pone al centro dell’attenzione della comunità jazzistica, collaborando con molti dei musicisti più interessanti della sua generazione, in particolare Jason Moran a Nasheet Waits e con mentori del calibro di Staley Cowell, Billy Hart e Buch Morris. Negli anni lo troviamo nei più svariati contesti, da Parigi a Roma ed oggi a Los Angeles, sempre al centro della scena musicale. In qualità di leader la sua consacrazione avviene con l’album Shift inciso per la Blue Note Records assieme a Pat Metheny.